Giorno 1

La prima giornata del libero mercato di Piazza Vittorio, sabato pomeriggio scorso, si potrebbe quasi definire un successo. Per una fortuita coincidenza siamo capitati nel bel mezzo del capodanno cinese e quindi abbiamo potuto approfittare della gremita presenza di bambini (i più entusiasti sostenitore dell’idea!) e di giornalisti. Questi ultimi hanno scattato un torrente di foto, ma forse per semplice deformazione professionale, anche perché non si può dire che io e M. facessimo proprio un figurone, col nostro cartellone spennellato alla bene e meglio (LIBERO MERCATO DI PIAZZA VITTORIO: PRENDI GRATIS QUELLO CHE VUOI! DAI GRATIS QUELLO CHE PUOI!) e una coperta dataci in prestito dai nostri gatti a mo’ di bancarella. Essendo agli inizi, anche la merce non era proprio di primissima qualità (perlopiù peluche, giochi da tavola e giocattoli vari, andati tutti ruba in pochissimo tempo), con l’eccezione di una bella lampada vintage in ottone (che per qualche motivo M. non può vedere), che ha rischiato quasi di scatenare una rissa tra due contendenti (alla fine ce la siamo cavata con un civilissimo testa o croce) e di vari gioiellini luccicanti.

Come dicevo, i più affascinati, oltre che spaesati («Gratis? Come gratis? Non ci credo!») erano i bambini, perlopiù stranieri (quelli italiani, in genere, ci pensano due volte prima di interagire con degli sconosciuti). Fa un po’ tristezza vedere come fin da piccoli si venga educati alla cultura del commercio e del mercato, tanto da guardare quasi con sospetto qualcuno che voglia dar via qualcosa a titolo gratuito (ci deve essere un trucco!). Una bambina, in particolare, ha insistito a tutti i costi per darci qualcosa in cambio per la sua scatola di lavagnette portatili. Alla fine si è rivelato un volantino di una scuola di kung fu, ma non importa. È il pensiero che conta. Altri, addirittura, senza dire niente, prima di andarsene hanno lasciato dietro di sé penne e gadget vari. Vuol dire che non ne avevano più bisogno: è così semplice la logica del freecycling che la capisce anche un bambino!

Le reazioni degli adulti, invece, andavano dal divertito («Ma che bravi ragazzi!»), all’entusiastico («Ma è geniale: quand’è il prossimo appuntamento?»), al pragmatico («Che voltaggio ha questo rasoio per capelli?»). I nostri “clienti” sono stati perlopiù stranieri, come se molti italiani provassero vergogna a prendere un oggetto senza pagarlo. Ma bisogna essere ottimisti: arriverà un giorno in cui la gente si vergognerà a pagare per qualcosa se può averla come nuova a gratis e a “impatto zero”. L’incoraggiamento di tutti, comunque – italiani e non – ci ha riempito il cuore: sono state veramente tante le persone a fermarsi, a chiedere informazioni, a dichiarare la loro volontà di partecipare. È stato un vero peccato che non avessimo dei volantini con noi! Questa settimana andremo più preparati.

Ci si vede sabato 16 dalle 15 in poi nel parco di Piazza Vittorio!

NOTA IMPORTANTE: non prendiamo in consegna le cose di nessuno; quello che non riuscite a dare via ve lo dovete riportare a casa! O magari lo nascondete e poi disegnate una mappa del tesoro…

Annunci

10 risposte a “Giorno 1

  1. Bravi!! Ottima iniziativa!
    Sarebbe stato bello esserci!
    A quando la prossima ?

  2. bellissima iniziativa, ho giusto giusto una lampada d’ottone che puo’ andare, se riesco vengo anch’io
    grazie!

  3. …ma allora non c’è nessun baratto!!! …Ma questo sistema è sempre vigente tra i ragazzi … vedi scambi di figurine ecc.ec. …
    Tra gli adulti ….ci si passa i vestiti …soprattutto tra le famiglie con molti componenti!!
    Prova a portare un po’ di abbigliamento … sperando che non lo rivedi su qalche bancarella a Porta Portese dopo!!!!

  4. ciao mike. saremo nel parco questo sabato, a partire dalle 15. non dovresti avere difficoltà a trovarci!

  5. Qui a Matera abbiamo fatto 2 di queste iniziative ed e’ in porto un mercato del baratto simile (dai e prendi secondo le possibilita’… il gratis non e’ contemplato, ma lo scambio non monetario si!)

    le prime due iniziative prevedevano un battitore che gestiva lo scambio. Lo scopo era di far raccontare loggetto scambiato per dargli il “giusto’ valore emozionale oltre a quello d’uso.

    ciao ginetto

  6. Mely carissima, penso che al momento di fare trasloco faremo felici molti esseri umani.

  7. Che bello, vengo anch’io Sabato 16. Cercherò di portare dei vestiti. Ciao e complimenti.

  8. regà bellissima iniziativa purtroppo io sto male ma spero di guarire per domani, e di partecipare a questo mercato supermiticissimo!

  9. Pingback: Riciclare è molto più che un dovere : Vivere semplice e spregiudicato

  10. Ciao ragazzi, nel caso non lo conosciate, vi segnalo un evento del genere che si è tenuto a Roma a Natale. Io ho ricevuto alcuni libri dai ragazzi del “Grande Dono” che è fondato sulle stesse “leggi” intorno al vostro mercato. Verrò a trovare anche voi. E’ bello che si facciano cose del genere.

    Vi lascio il link degli organizzatori del Grande Dono nel caso vogliate dare un’occhiata.

    http://www.icreattivi.tk
    http://www.grandedonoroma.tk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...